ANDREA SEGRE: IBI e L’ORDINE DELLE COSE

domenica 5 novembre 2017 - 18:30

coverlg_home

Domenica 5 novembre, dopo il masterclass con il regista dalle h. 15 all2 18, la proiezione del documentario Ibi  e del film L’ordine delle cose di Andrea Segre.

 

h. 18.30

Ibi

Italia 2017,  Colore  64′

Ibi nasce in Benin nel 1960, ha tre figli e nel 1999, in seguito a seri problemi economici, rischia la vita per permettere un futuro migliore alla famiglia. Accetta di trasportare della droga dalla Nigeria all’Italia, lasciando i figli in custodia a sua madre. Ma fallisce e sconta tre anni di carcere, a Napoli. Libera, Ibi rimane in Italia senza poter vedere i figli e la madre per oltre 15 anni. Così, per renderli partecipi della sua nuova vita, decide di iniziare a filmarsi. Racconta se stessa, la sua casa a Castel Volturno, dove vive con il nuovo compagno, Salami. Racconta dell’Italia, della sua lotta per riconquistare dignità e speranza. Il film nasce dalle immagini che Ibi ha realizzato.

 

h. 21.15

L’ordine delle cose

Italia 2017, colore 112’

 

Corrado è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali contro l’immigrazione clandestina. Il Governo italiano lo sceglie per affrontare una delle spine nel fianco delle frontiere europee: i viaggi illegali dalla Libia verso l’Italia. La missione di Corrado è molto complessa, la Libia post-Gheddafi è attraversata da profonde tensioni interne e mettere insieme la realtà libica con gli interessi italiani ed europei sembra impossibile. Corrado, insieme a colleghi italiani e francesi, si muove tra stanze del potere, porti e centri di detenzione per migranti. La sua tensione è alta, ma lo diventa ancor di più quando infrange una delle principali regole di autodifesa di chi lavora al contrasto dell’immigrazione: mai conoscere nessun migrante, considerarli solo numeri. Corrado, invece, incontra Swada, una donna somala che sta cercando di scappare dalla detenzione libica e di attraversare il mare per raggiungere il marito in Europa. Come tenere insieme la legge dello Stato e l’istinto umano di aiutare qualcuno in difficoltà? Corrado prova a cercare una risposta nella sua vita privata, ma la sua crisi diventa sempre più intensa e s’insinua pericolosa nell’ordine delle cose.

 

Andrea Segre

Andrea Segre, dopo l’esordio con alcune importanti esperienze televisive, si avvicina al documentario d’autore, sviluppando un percorso registico attento al territorio sociale e geografico italiano. Dottore di ricerca in sociologia della comunicazione, conduce un’importante indagine sulle migrazioni verso l’Europa. Nel 2011 realizza il primo lungometraggio, Io sono Li (Premio LUX e David di Donatello), seguito da La prima neve (2013). È fondatore di ZaLab e ideatore del progetto «FuoriRotta». Nel 2015 ha presentato il documentario I sogni del lago salato al Locarno Festival.

Nel 2017 ha presentato il documentario Ibi al Locarno Film Festival e il film L’ordine delle cose al Festival di Venezia.

 

Condividi su